num3ro  dvdv dvdvzz

Bookmark and Share

D35

diario aggiornato del progetto DVDV_D35. Progetto esecutivo per un'installazione d'arte contemporanea
D35 project diary.Work drawings for a contemporary art installation: A.Golinski:Things falling apart;Padova 20/05-30/06
ITA _ ENG _ D35 HOME | DVDV HOME

03/09/09

 

OPEN

We are back

Etichette:


31/07/09

 

Holidays / Vacanze

We are on holidays / Chiuso per ferie

Etichette: ,


13/07/09

 

Somewhere



There are some possibilities that the tunnel will become something else. Cut, moved, rusted, packed, moved.

Etichette: , ,


25/06/09

 

Ruggine



Il ponte si arrugginisce. Siamo tornati sul ponte di Padova e il mesh tunnel si sta arrugginendo velocemente. Era tutto già così cattivo e ora l'ossido incattivisce di più. Mentre notavo sui disegni, "ferro non verniciato" immaginavo proprio questo. Guardiamo il processo dell'architettura che si fa, gravante sulle trafile di ghisa, e ora si muove: è sinceramente entusiasmante pro iectare lo sguardo e osservare rotolare i propri bulbi oculari sul piano del tempo. Sappiamo che tutto è immaginato, ce lo dice Merleau-Ponty, che il processo insiste immobile sull'asse della spina dorsale di neuroni in fascio.




Un'altra cosa da guardare, andando lì, è un piano che coperto è diventato un tunnel.
C'è il piano ampio di un passaggio sul fiume e ci sono i fogli di lamiera losangata, ci sono un po' di saldature, un po' di trecce di filo di ferro zincato, dei tondini di ferro, una maglia, qualche giorno.



Etichette: , , , , ,


23/06/09

 

Rust

I was on the the bridge on sunday and I discovered the work nicely covered with rust. The bridge and the meshes seems to like eachother and the mesh's color is becoming more similar to the bridge's iron.
Walking along the canal you see the bridge with this strange veil box, tight and squared. When you are near the bridge you discover that the veil is made of iron and it seems quiet sharpen.

Leaves entangled between the meshes stay there, whatching outside and inside.
Walking under the mesh tunnel you color your field of view. When at home I watched the pictures taken before the work and it is amazing how deeply different is the bridge without our mesh tunnel: flat against complex, far against near.

This is a zero degree architecture experiment: how much (soul) room can you build using as few elements as possible? Many elements make this work similar to a long lasting architecture compressed in a few elements and in an extremely short lifetime: meshes' sheets overlapping dance evidently with light when you walk under and aside the tunnel, the structure is thin but I can see clearly static tentions flowing in it. The fact that the color of the work changed so fast make it even more similar to an architecture.

We are at the base of architecture. At the first step before many and many more.

Etichette: , , ,


15/06/09

 

Barbone in via Pietro Verri/angolo Montenapoleone.



Noi giocavamo lì intorno, siamo arrivati fino a guardare quel bel giardino e lì dietro dormiva qualcuno. Sono le 9.00, dietro i vetri c'è verde e alberi, ritorniamo a giocare verso il centro del pavimento, corriamo un po' in circolo, riprendiamo la via.

11/06/09

 

Press A



In questo periodo siamo a contatto con i disegni tecnici e il manuale d'istruzioni di una pressa da 40 MegaNewton. E' un mostro a cui ci stiamo affezionando: sappiamo come cambiare le bronzine, smontare le traverse, prenderlo per le golfare, scegliere il carro porta lingotti, riscaldare a 1000°C e più, azionare i sistemi di emergenza, designare un operatore psicologicamente equilibrato, assistere alla vita utile programmata della macchina. Guardiamo alle proporzioni di questo nostro mostro che occupa da solo un intero capannone, le sue parti pesano singolarmente 32000 Kg, 61000 Kg, 6100 Kg, ..., bisogna predisporre i piani di appoggio quando le si smonta, munirsi di sistemi di sollevamento adeguati per portarle a fare la manutenzione. Questa pressa è un grande fabbro meccanizzato che giace nell'industria e si attiva contro l'inerzia delle sue masse per pressare ferro su ferro caldo. La plancia di comando è piena, ma non troppo, di pulsanti a serratura, contatori, tasti e pedali che accertino la presenza di un uomo. Un solo pilota comanda il gigante, con l'indice schiaccia il pulsante e il suo gesto schiaccia a 40 MegaNewton. A me pare che ogni pressione di quel tasto debba incurvare terra fino a un buco nero nella galassia.

Etichette: , , , , ,


10/06/09

 

Numeri



Sulla strada si vedono le pietre del lastricato ordinatamente numerate.
Le pietre sono tagliate per incastrarsi fra di loro e lasciare scorrersi due binari paralleli.
Un senso di vertigine matematica percorre la città per chi sa vederla. Una sensazione simile si prova quando si fa il rilievo di una casa o di un ponte. La nebbia ordinaria riempie gli ambienti di quando si entra per la prima volta in un luogo; le porte, le finestre, gli sgabuzzini si percorrono senza sensi. Dopo una giornata di lavoro, disegno e misure ci si lascia dietro una casa ingabbiata in un reticolo di numeri, di linee e di diagonali. La nebbia sensoriale è ricoperta da misure in fil di ferro come di una gabbia per uccellini che avvolge ogni spigolo, telaio, solaio, gradino e parapetto. Vertigine matematica.

Etichette: , , ,


04/06/09

 

Cose che succedono










Ora lì c'è spazio. Sta fermo lì, lo spazio. Resta.
Abbiamo lavorato in un fracasso di proteste e gente di passaggio, di trapani a colonna e saldature. C'era cielo aperto ora coperto. Ci sediamo e lo guardiamo. Doveva essere attraccato a terra come una nave ormeggiata alle bitte ma questi pensieri segreti restano nascosti, insinuati fra le reti.
Ora chi passa vede significati ammassati in nebbie, solo noi segretamente sappiamo metterli in fila enumerarli, disegnarli da non credere quanto nitidi.
C'è una gabbia di numeri e linee definite nelle nostre menti nascoste quanto c'è un vapore di sensi indefiniti per chi si passa sotto alle reti. Mentre la cosa si faceva cosa avveniva un trasferimento di definizione, di sensi, dalla realtà alla mente invaghita dei progettofacitori: ogni pezzo e linea si disegna, si misura, si fa infinitamente a vertigine razionale nel pensiero mio; e intanto si lascia dietro, nella realtà di chi vede e passa, un baluginio scuro di senso interdetto nel tonfo intatto che l'opera deve consegnare (o solo mostrare) a chi guarda.

Etichette: ,


24/05/09

 

disegni

draws


Disegni e attrezzi attrezzi disegni



Etichette:


 

Mari


Perché viaggiare per mare? Questo mare me lo ricordo, non è il mare è l'oceano. L'Atlantico e la pietra non è una pietra; un pezzo di lava. Un pezzo di lava viene da. Li ho messi vicini da anni; il cielo non è il suo cielo. Il cielo è un altro brano di cielo. Un pezzo di cielo e un pezzo di mare con una pietra pezzo di lava. Ora scrive.



21/05/09

 

Ponti



Etichette: , , ,


20/05/09

 

Un ponte è un po'





Una cosa, due cose, tre cose, quattro cose, cinque cose.

17/05/09

 

dett waiting




Details in their vertigo existence wait stored in garages along realities

Etichette:


14/05/09

 

Mesh



What if sometimes thought become mesh?

Etichette: , ,


 

Piastrine

Parlato con la Ditta, puntualizzato che le piastrine/saette devono essere su entrambi i lati dei montanti.

Spiegata sequenza di montaggio e tagli. Sembra tutto chiaro.

Etichette:


 

Cut













We did cuts and meshes optimizations drawings overnight. Mathematics connected? The job flowed smoothly anyway. It seemed a simple secret juxtapposition noiselessly regulated.
We accompanied it with our mouses seeing and thinking. Absolutely no connection with random events.

Etichette: , , , , , , , ,


13/05/09

 

E intanto

E intanto si pensa anche al parco

Etichette:


 

Attesa costruisci














Ora abbiamo consegnato i disegni al costruttore. Fabbri e ferri si staranno saldando. Lo strutturista oggi completerà la prova di carico sul ponte. Siamo in attesa, fermi a guardare aspettando i giorni del montaggio.

 

Progetto in corso

Inizio oggi ma dovevo iniziare giorni fa.
Il progetto è già stato approvato e si sta realizzando.
Su un ponte pedonale di una città facciamo i disegni esecutivi per un'installazione d'arte contemporanea: una copertura in rete metallica sovrapposta su due strati, come un tessuto, come un patchwork.
Ci sono state tante difficoltà e le abbiamo affrontate una per una. Abbiamo calcolato la struttura, oggi uno strutturista farà la verifica statica del ponte; laser e teodoliti puntati, noi aggiorniamo i dettagli.

Archivi

05/2009   06/2009   07/2009   09/2009  

Links


  • DVDV Studio di Architettura
  • DVDV è in NUM3RO
  • DVDV+ZZ = DVDV.ZZ
  • NETWORK e rami e alberi
  • This page is powered by Blogger. Isn't yours?

    Iscriviti a Post [Atom]